L’intramontabile Billy Wilder | I film consigliati della settimana da vedere “Sotto le stelle” di Bologna

Testo di Andrea Marchesi

Una settimana ricca di grandi film che omaggia il genio di Billy Wilder con alcune delle sue più belle pellicole interpretate da tre dive indiscusse dell’epoca d’oro di Hollywood: Marilyn Monroe, Audrey Hepburn e Shirley MacLaine. Vi parleremo di 2 dei suoi film tra i più acclamati da critica e pubblico.

“QUANDO LA MOGLIE E’ IN VACANZA”

** FILE ** In this Sept. 9, 1954 file photo, Marilyn Monroe poses over the updraft of a New York subway grating while in character for the filming of “The Seven Year Itch” in New York.(AP Photo/Matty Zimmerman, file). Image cc from wikipedia:https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d0/The_apartment_trailer_1.JPG

Mercoledì 11 luglio andrà in scena “Quando la moglie è in vancanza” (The seven year itch) del 1955, per la regia di Billy Wilder. Rimasto a Manhattan dopo aver spedito la moglie Helen e il figlio nel Maine per le vacanze estive, il direttore di una piccola casa editrice, Richard Sherman (Tom Ewell, vincitore del Golden Globe per la sua interpretazione), marito esemplare da sette anni, si trova alla prese con l’avvenente ed ingenua nuova vicina di casa, Marilyn Monroe, la cui bellezza mette in pericolo la fedeltà coniugale di Richard. Questa è la trama della brillante e spiritosa commedia diretta da Wilder che non manca di scagliarsi contro il perbenismo made in Usa e alle smanie erotiche dell’americano della borghesia anni ‘50. Un uomo che si ritrova a combattere contro se stesso e contro i suoi impulsi (il bere, il fumo, le donne) attraverso monologhi interiori di rara intensità e divertenti gag con la provocante ma allo stesso tempo innocente inquilina del piano di sopra, di cui non viene mai svelato il nome, come fosse una diva o una star del cinema. Tutto il film si muove su questo incessante contrasto tra desiderio e repressione dell’uomo e allo stesso tempo mostra al pubblico un lavoro sull’immagine Marilyn, come se stesse recitando la parte di se stessa in maniera caricaturale. Realtà e immaginazione, musiche e canzoni, dialoghi e monologhi completano il quadro comico e a tratti surreale creato del regista, senza dimenticarsi la scena divenuta celebre in cui la gonna della diva viene sollevata dall’aria proveniente da una griglia di aerazione dovuta al passaggio di un treno della metropolitana.      

 

“L’APPARTAMENTO”

Frame del trailer. Image cc from wikipedia: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d0/The_apartment_trailer_1.JPG

Venerdì 13 luglio sarà il turno di “L’appartamento” (The Apartment) del 1960, per la regia di Billy Wilder, vincitore di 5 premi Oscar tra cui miglior film e miglior regia. Bud Baxter (Jack Lemmon), impiegato in una grande compagnia di assicurazioni, fa una rapida carriera, non per meriti personali, ma perché, avendo un appartamento da scapolo, ne concede l’uso ai dirigenti d’azienda per le loro avventure extraconiugali. Lo stesso capo del personale ottiene un giorno da Bud la chiave dell’appartamento col medesimo scopo; ma questo scopre con profondo rammarico che l’amica di Sheldrake è Fran (Shirley MacLaine), addetta agli ascensori, che il protagonista ama segretamente. Rientrando nell’appartamento, Bud vi trova Fran svenuta dopo aver tentato il suicidio con dei sonniferi, per il rifiuto di sposarla di Sheldrake. Dopo una serie di vicissitudini l’amore tra Bud e Fran infine trionferà. Una commedia dolceamara e cinica, che mostra una riflessione acuta sulla società americana, chiusa nell’individualismo e arrivismo, tutto ciò senza perdere l’anima comica. Ne L’appartamento l’azione si sviluppa in modo vivace, il tono generale è leggero e l’happy end è garantito. Lo spettatore, però, non ha fretta di giungervi, perché coinvolto dal ritmo del racconto e da dialoghi arguti. La scelta della coppia Lemmon-MacLaine è poi formidabile: qui i due attori mettono in mostra al meglio le loro doti interpretative rivelandosi capaci di estrema leggerezza, autentica comicità, ma caratterizzando con la stessa efficacia i tratti più sconsolati e malinconici dei loro personaggi.


DIVERTITI SU DARTEMA CON LE CURIOSITÀ, GLI ANEDDOTI, LE CITAZIONI, I QUIZ. LEGGI I NOSTRI ARTICOLI O COLLABORA CON NOI, ISCRIVENDOTI AL SITO E INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI.


REGISTRATI E CREA LA TUA PAGINA PERSONALE CON FOTO, BIOGRAFIA E CONTATTI


ALLEGA I TUOI ARTICOLI E, SE CONSONI, LI PUBBLICHEREMO SUL SITO


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *