Monica De Mitri

“Caos e Silenzio”

Viviamo in un’epoca  in cui risulta sempre più difficile isolarsi dal costante rumore di fondo che accompagna il nostro vivere quotidiano, dal bombardamento di informazioni e dai social che sempre più invadono la nostra vita, per questo trovo importante riuscire a creare una sorta di “universo parallelo” dove potermi rigenerare. Il mondo del mio silenzio interiore è costruito sui tempi lenti di un lavoro  di manualità  che riflette una esigenza di ordine e di precisione. Tuttavia, se  i parametri interni del lavoro  sembrano obbedire ad una necessità compositiva  di elementi che si ripetono in una logica quasi frattale, d’altro canto, nel momento in cui si confrontano con lo spazio espositivo concreto, essi cercano  una possibilità di apertura e di aggancio sempre diverso uscendo da limiti definiti per suggerire una espansione potenzialmente illimitata e rompere il rigore di equilibri troppo rigidi. Così in queste mie ultime opere creo alla fine una sorta di “trama” sempre diversa che si collega all’ambiente e lo coinvolge. Per questo la carta è materiale a me congeniale: è plasmabile, flessibile e duttile fra le mie mani. Ma non utilizzo solo carte nobili, amo riciclare, in una prospettiva di sostenibilità, scarti di produzione industriale che recupero, taglio, dipingo, plasmo ed installo su tela in composizioni astratte che donano una nuova vita al materiale conferendogli una sua dignità estetica, partendo dal taglio della carta, che per me deve essere rigorosamente realizzato a mano in quanto inizio del gesto artistico.

Monica De Mitri

Monica De Mitri artista dedita a forme di pittura-scultura-installazione che sembra porre l’arte fuori da schemi definibili, come attività che ci appare più accessibile e vicina nel suo essere esito di un atteggiamento di adesione ed integrazione ad una sorta di esistenziale quotidianità. Come artista che con lucida visione critica della condizione storico- antropologica del presente non pretende di farsi portatrice a priori di valori alti, di alte tematiche, di rivoluzioni ideali o di una centralità salvifica dell’attività artistica, essa la considera piuttosto come attività integrata tra le altre che connotano il suo sentire, le sue attitudini, il suo modo di essere e di vivere quotidiani in rapporto ai quali si fa comprensibile, con cui mantiene i contatti più vitali e acquisisce il suo carattere peculiare e specifico. Così gli interessi artistici che partono dalla sua formazione di studi, l’attività del lavoro nel campo della moda, le attività di organizzazione eventi artistici e culturali con l’Associazione Mantova Creativa, rendono conto anche delle componenti fondamentali e della molteplicità di caratteri di un’arte che nasce dalla sua vita, che segue le sue inclinazioni, che aderisce all’esistenza come un abito cucito addosso e per questo è difficilmente classificabile e sfugge alle distinzioni tradizionali. La sua opera non è né pittura, né scultura, né oggetto, né installazione in senso stretto; di volta in volta queste categorie possono presentarsi più come possibilità e potenzialità del suo lavoro, con la prevalenza dell’una o dell’altra, derivando non tanto dalle nette separazioni, dai filtri di una cultura artistica tradizionale ma direttamente dall’idea di un lavoro minuto, paziente, quasi di eccellente e ricercata manifattura, pur se fatta di gesti apparentemente semplici, a volte anche concettualmente minimali e mentalmente concentrati in una gestualità essenziale di un’operatività quasi zen. Un lavoro che mostra chiaramente il processo del fare e lo dichiara esplicitamente: lavoro di colore, di inchiostri, ma anche di forbici, di colla, di fili, di carte riciclate che semplicemente dipinte o impreziosite con nastri di carta in aggetto, o con gocce di vetro o frammenti di cristallo colorato, riscattano la semplicità dei materiali trovati e sembrano mimare stoffe o evocare elementi decorativi, sorta di finimenti, giapponeserie dal gusto del mondo della moda. Piccole cose, piccoli resti trovati di un’archeologia della moda, ma anche della natura e della cultura quando ad esempio i frammenti di carta sono dipinti a dripping o a motivi di quadrato nel quadrato secondo un’ascendenza suprematista o come nelle tavole monocrome composte secondo geometrie di memoria astratta e costruttiva ma in un insieme dall’aria provvisoria e contingente.

Queste opere, esito di semplici gesti, tagliare, incollare, legare, unire o comporre insieme, a volte isolano su una superficie in cui il supporto è l’opera stessa un piccolo reperto trovato, per farne una sorta di preziosa reliquia, oppure creano insiemi ove supporto ed elementi ad esso appesi od incollati scambiano i ruoli diventando ora elemento legante ora portante dell’opera. Sono gesti che implicano altri gesti, anzi ne derivano, ne conseguono così che il lavoro finale ne è solo una parte, fase di un processo più lungo che ha dei momenti prima dell’opera e ricadute successive. È come se l’artista volesse farci percepire il sottile piacere di un suo iniziale cercare, trovare, raccogliere, conservare, custodire e volesse poi dare un tempo e un luogo a ciò che è provvisorio ed effimero, a ciò che era scarto e che essa recupera e trasforma nell’urgenza di fermare e definire ogni più sottile e piccola emozione sensibile anche dei materiali di poco conto delle sue scoperte. Di essi sembra perciò attenta ed incline a svelarne e fissarne una bellezza nascosta mantenendo tuttavia il senso di una dinamica contingenza soprattutto in quelle carte appese come provvisoriamente appoggiate alla tela o in quelle aeree e quasi precarie composizioni di frammenti di carte tenute insieme dall’elemento unificante del colore e della colla, frammenti di carte tagliate ricomposte sulla superficie quasi pronte a mutare configurazione o disperdersi ad ogni leggero soffio. Così che anche in quei lavori ove sembra subentrare un’idea di composizione, di centralità, di ordito geometrico, una sorta di inclinazione o meglio evocazione costruttiva, questa viene contraddetta dai modi, dalle forme del fare. Anche la memoria, l’ascendenza colta delle varie temperature stilistiche messe in gioco, appaiono più come suggerimenti a posteriori, dettati dai materiali trovati, sempre di volta in volta diversi. Le cose hanno un’anima sembra suggerirci De Mitri, l’artista è solo lo strumento che la fa emergere. Essa ci sofferma così tramite una sorta di sentimento della materia anche ad un pensiero di fondo, quello di una diffusa esteticità che si riscopre anche nelle più piccole e apparentemente trascurabili cose che ci circondano. Così che i suoi lavori stimolano la nostra capacità di farci provare la sensualità delle materie quasi attraverso una tattilità oltre che una visività di una sensibilità più affinata e consona a percepire le più sottili sfumature. Tutto ciò si riflette in opere in cui il senso del ‘prezioso’ e del ‘povero’ coesistono, ‘l’alto’ e il ‘basso’ convivono in evocazioni che vanno dal presente, dal gusto delle cose, alle reinterpretazioni di modi della pittura che di volta in volta l’opera suggerisce: può essere astrazione informale, automatismo pittorico-segnico, geometria minimalista, cifre stilistiche pienamente rivissute come oggetti materiali. Cose che diventano segno, pittura che diventa cosa; alla fine il lavoro si muove dentro a questa dialettica ambiguità tanto da poter dire che sono le cose stesse o meglio i frammenti di cose a presentarsi come motivi stilistici e suggerire la forma dell’opera. Sorta di ready made artistico, specie di arte trovata, implicita dentro ai materiali e alle loro forme naturali o artificiali che siano, l’artista le asseconda secondo un pensiero sensibile in cui le interferenze, le interrelazioni, le contaminazioni di cultura e natura, moda e memoria, provvisorio e permanente, casuale e intenzionale intrecciano, come fattualmente nei suoi lavori, i loro orditi, le loro trame.

Manuela Zanelli

Monica De Mitri | Cenni biografici

Sono nata a Milano nel dicembre 1965 e mi sono diplomata all’Istituto d’Arte di Mantova nel 1984. Vivo e lavoro a Mantova dove, negli anni novanta, ho iniziato il mio percorso creativo prima come vetrinista presso alcuni negozi del centro storico della mia città, successivamente come scenografa per una compagnia di danza contemporanea di Mantova ed infine esponendo le mie opere nelle boutique di Mantova e Milano. Nel 2000 ho aperto il mio appartamento-studio ad architetti e acquirenti. Attualmente lavoro come consulente per l’organizzazione di festival come Mantova Creativa.


DIVERTITI SU DARTEMA CON LE CURIOSITÀ, GLI ANEDDOTI, LE CITAZIONI, I QUIZ. LEGGI I NOSTRI ARTICOLI O COLLABORA CON NOI, ISCRIVENDOTI AL SITO E INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI.


REGISTRATI E CREA LA TUA PAGINA PERSONALE CON FOTO, BIOGRAFIA E CONTATTI


ALLEGA I TUOI ARTICOLI E, SE CONSONI, LI PUBBLICHEREMO SUL SITO


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *