Mydas Sindrome | la corsa all’Oro e la storia di un “colore”

Mydas Sindrome

La storia, è quella della Corsa all’Oro.

L’ennesima.

No, non quella del Klondike, di Zio Paperone e del magico e Favoloso Chaplin.

Quella della deriva sbrilluccicante e glitterata che, come uno tsunami festoso ed infettante, ha pervaso ogni regione, seppure remota della nostra quotidianità, rendendola, in tal modo, sempre sempre sempre più strepitosa!

Proverò a parlarne, se mi riesce.

E mi riesce,….. mi riesce.

Il colore venuto fuori dalle abili e sapienti mani, dal cilindro dell’Aesthetic Center della nota azienda multinazionale Sikkens che ha sede in Olanda e che si occupa di rintracciare ed immortalare le frequenze proprie del colore dell’anno a venire (…ogni anno a venire!), un paio di anni addietro, è stato l’”Ocra Gold”, ed in tutta sincerità, non abbiamo affatto dovuto faticare per potercene accorgere.

Basta guardarci attorno, per sentire immediatamente il bisogno di inforcare, trucidi, i nostri più efficaci ed irriverenti (….tutti gli occhiali da sole devono essere irriverenti, in qualche misura, sta nel loro DNA!) occhiali da sole.

Partiamo innanzitutto da una fulminante considerazione:

l’Oro non è un colore.

Si, l’Oro non è un colore, specie per noi designer, ma una texture, una pelle, un riferimento di superficie, da cui ne abbiamo sempre estratto, distillato, con grande cura e parsimonia, poche parti, poche quantità, da destinare agli elementi d’uso e di servizio costituenti lo scenario domestico e pubblico della nostra esistenza.

Altrimenti portatore di una superficialità insita nella sua cifra culturale, ma non in quella espressiva.

I designer più talentuosi hanno infatti declinato alcuni oggetti della nostra quotidianità in versione Oro, non per nobilitarli, (.…non ne avevano bisogno, la plastica per il nostro tempo è molto più nobile dell’Oro!), ma per introdurre un elemento di attivazione, un catalizzatore, che potesse dar vita ad una propulsione efficace, leggera, scherzosa, friendly, al nostro modus vivendi.

Hanno generato, qualche volta, stupore, per l’improvvisa comparsa, al nostro fianco, di elementi vecchi/nuovi, cui era stata concessa una nuova vita, attraverso il gesto Santificatore e benevolo dato dalla preziosafintapatinalucentedell’Oro.

Oro che genera, inevitabilmente un effetto straniante, destabilizzante, su di noi, costringendoci a forza a dover fare i conti con una dimensione altra, per così dire, della nostra esistenza, rendendoci più forti, irrobustendo il nostro sistema immunitario, rendendolo così facendo, capace di poter accogliere nuove frequenze, nuove traiettorie di senso, nuovi scenari del desiderio, certamente più divertenti e meno ombrosi, non sempre meno inquietanti.


DIVERTITI SU DARTEMA CON LE CURIOSITÀ, GLI ANEDDOTI, LE CITAZIONI, I QUIZ. LEGGI I NOSTRI ARTICOLI O COLLABORA CON NOI, ISCRIVENDOTI AL SITO E INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI.


REGISTRATI E CREA LA TUA PAGINA PERSONALE CON FOTO, BIOGRAFIA E CONTATTI


ALLEGA I TUOI ARTICOLI E, SE CONSONI, LI PUBBLICHEREMO SUL SITO


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *