Intervista a Yelena De Luca Mitrjushkina in occasione dell’apertura a Bologna di Narkissos Contemporary Art Gallery

Come promesso DArteMA ha fatto una piacevole chiacchierata con Yelena De Luca Mitrjushkina, giovane curatrice di origini russe che si appresta ad inaugurare un nuovo e interessante spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea a Bologna.

A fine intervista troverete le info per l’inaugurazione di domenica 18 marzo.

a cura di Alexander Stefani

DArteMA: Narkissos Contemporary Art Gallery è un nome davvero particolare, a cosa è dovuta questa scelta?  

Yelena De Luca Mitrjushkina: Questa domanda riesce sempre un po’ a spiazzarmi, ma cercherò comunque di risponderti. I motivi di questa scelta sono essenzialmente due, uno è legato al mito di Narciso, che ritengo sia caratterizzato da un inconfondibile dialogo con l’arte, mentre il secondo è del tutto personale. Ho avuto un animale, che si chiamava appunto Narkissos, a cui ero molto legata e per ricordarmi ogni giorno di lui ho deciso di dedicargli il nome del mio progetto. Non saprei dirti se questo appellativo è efficace per una galleria, so solo che si è trattato di una scelta istintiva e sentimentale, forse un po’ troppo affrettata e impulsiva. Ma dato che la mia attività è avviata ho deciso di proseguire senza variazioni. 

D: Ora passiamo alla domanda più importante, che cosa è Narkissos Contemporary Art Gallery?

YDLM: Si tratta di una galleria d’arte contemporanea, un luogo dove vengono allestite mostre con opere che si possono ovviamente acquistare. Organizziamo una esposizione a stagione e il nostro obiettivo non è solamente quello di rivolgerci a un pubblico di collezionisti già avviato, ma anche formare ed educare il visitatore al collezionismo. Per raggiungere questo fine è fondamentale selezionare attentamente gli artisti e puntare quindi sulla qualità e non sulla quantità delle relative opere proposte. Per esempio le mostre sono sempre accompagnate dalla stesura di un catalogo che illustra e spiega la ricerca artistica presente nei lavori esposti.  La nostra missione, tenendo ovviamente ben presente la parte economica, è quella di sottolineare l’importanza culturale dell’arte e del collezionismo contemporaneo. 

D: Sappiamo che vi state trasferendo da una precedente galleria che si trovava nel pieno centro di Bologna. Ci puoi parlare di questo vostro primo spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea? 

YDLM: Ad ottobre abbiamo chiuso l’appartamento convertito in galleria di via San Vitale. Si trattava di un luogo particolarissimo che presentava muri, soffitti e piastrelle completamente arancioni. Se da un lato questa caratteristica cromatica distingueva in positivo la nostra attività, dall’altro aumentava le difficoltà espositive per gli artisti. Questi ultimi spesso preferiscono il classico “White Cube” e questo nuovo spazio che stiamo per inaugurare in via Fiorilli va incontro appieno a questa esigenza. Si tratta di un ambiente di 150 m², un open space con pareti bianche che agevolerà la curatela delle opere esposte. 

D: Che tipo di arte proponi in galleria e cosa diversifica il tuo spazio dalla concorrenza?

YDLM: Si tratta ancora di un progetto giovane, nato da appena un anno e quindi è ancora prematuro decidere di specializzare la galleria in qualche definito genere o tendenza artistica. Quel che posso affermare è che trattiamo un’arte “sincera” che viene selezionata con senso e criterio. Trattiamo ogni tipo di creatività che spazia dalla pittura alla scultura, dall’installazione alla internet art passando per la performance.

D: Quali artisti hai proposto ai visitatori fino adesso?

YDLM: Gli artisti con cui ho collaborato fino a questo momento non possono essere considerati personalità emergenti ma sicuramente non sono ancora stati conosciuti e valorizzati appieno dal pubblico. La nostra selezione si basa esclusivamente sul contenuto proposto e non facciamo scelte in relazione all’età dell’artista.

D: Progetti per il futuro?

YDLM: Stiamo lanciando Narkissos Magazine, un portale web ricco di saggi sulle opere esposte, interviste, recensioni e molto altro. A giugno l’attività espositiva proseguirà con un artista bulgaro: Vikenti Komitski. 

Il nostro più grande sogno è quello di far diventare il progetto Narkissos un punto di riferimento per l’arte contemporanea qui a Bologna. Un luogo dove sarà possibile visitare mostre, ascoltare talk di divulgazione artistica e divertirsi anche con i numerosi eventi musicali che abbiamo già proposto in passato. 

D: Non ci resta che farvi gli auguri per la grande apertura del vostro nuovo spazio!

YDLM: Grazie a voi! Vi aspetto numerosi il 18 marzo, dalle ore 18:00, presso la nostra nuovissima galleria di via Fiorilli 10/2.

Domenica 18 marzo 2018
NARKISSOS PT.2
via Fiorilli 10/2

18:00 – Discorso d’inaugurazione e cocktail di benvenuto
19:00 – Performance artistica a cura di Vikenti Komitski
21:00 – Concerto del gruppo psyco-tropical DaDi etro

Bar e rinfresco a cura di Vineria alle erbe


DIVERTITI SU DARTEMA CON LE CURIOSITÀ, GLI ANEDDOTI, LE CITAZIONI, I QUIZ. LEGGI I NOSTRI ARTICOLI O COLLABORA CON NOI, ISCRIVENDOTI AL SITO E INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI.


REGISTRATI E CREA LA TUA PAGINA PERSONALE CON FOTO, BIOGRAFIA E CONTATTI


ALLEGA I TUOI ARTICOLI E, SE CONSONI, LI PUBBLICHEREMO SUL SITO


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *