Web Hosting

Testo di Laura Scattoni

Nel 1872 nella città di Amersfoot, situata a sud-est di Amsterdam, nella provincia di Utrecht, nasce Piet Mondrian.

Riceve una rigida educazione calvinista ma grazie a suo zio, un’artista di ascendenza impressionista, fa presto il suo incontro con la pittura. Le sue prime tele raffigurano il tipico paesaggio di campagna olandese e scene di nature morte.

Frequenta l’Accademia di Amsterdam e per mantenersi agli studi realizza copie di celebri dipinti e illustrazioni scientifiche per l’Università di Leida. A seguito di una serie d’incontri, come con il pittore simbolista Jan Toorop, della conoscenza di alcune opere di Munch e di quelle del gruppo dei Fauve, la sua pittura subisce una graduale trasformazione.

Mondrian si distacca dalla pura rappresentazione della realtà, tende a semplificare il disegno e affida grande importanza all’espressività del colore.

Nella sua tela Albero rosso del 1908 ciò è ben percepibile: nell’attorcigliarsi dei rami, nella potenza del blu dello sfondo e del rosso dell’albero.

Alla fine del 1911 arriva nella capitale francese e rimane profondamente attratto dalla scomposizione cubista delle forma e, in particolare, dalle opere di Picasso e di Braque. Da questo momento in poi nelle sue tele inizia ad acquistare grande importanza la linea retta ma, a differenza del cubismo, a Mondrian interessa osservare le figure da un unico punto di vista. I suo dipinti sono visioni sorvegliate e sospese. L’artista si sta dirigendo verso quella corrente di cui è stato una delle personalità più importanti: l’Astrattismo.  In Paesaggio con alberi del 1912 la rappresentazione dell’immagine si perde, tutto è lasciato all’autonomia delle forme e alla forza del colore.

Il risultato è una composizione equilibrata: dove il disegno e la cromia diventano tutt’uno, danno vita a un’unica sinfonia. Nel 1914 ritorna nella sua terra natale, si isola dal mondo e si dedica all’arte Astratta. Il titolo delle sue opere scompare, come qualsiasi tipo di legame con ciò che è concreto. I colori principali da lui utilizzati diventano il rosso, il blu e il verde.

Quadro 1

In Quadro I del 1921, linee nere corrono su una superficie bianca e si incontrano ortogonalmente, creando quadrati e rettangoli a cui affida solo colori primari.

Nel 1917 il pittore olandese insieme all’architetto, scultore e designer Van Doesburg fonda la rivista “De Stijl” dove elencano i principi dell’arte astratta. Mondrian parla di “neoplasticismo”, cioè di nuova forma, dove acquista un ruolo fondamentale la linea retta e il colore, i quali configurano un nuovo spazio, annullando l’elemento naturale che secondo il pittore e Van Doesburg conferiva alle rappresentazioni un aspetto troppo drammatico.

Le opere di Mondrian furono una fonte d’ispirazione importante, soprattutto in campo architettonico, come nei maestri dell’International Style, un movimento collocato tra le due guerre mondiali. Nel 1938 si trasferisce a Londra e poi, due anni dopo, sbarca oltre oceano, a New York. Vive un momento particolarmente felice e spensierato, è attratto dal nuovo mondo. Partecipa ad “American Abstract Artists”, un gruppo di artisti che si fanno promotori di diffondere la conoscenza dell’arte astratta negli Stati Uniti e lui, che ne era il massimo rappresentante, non poteva certo esimersi di aderire a questo movimento. Tra le sue ultime opere troviamo Broadway boogie-woogie del 1942-43, abbandona le strisce nere, i colori si fanno più vivaci, brillanti, pieni di luce, segno di quel dinamico ambiente culturale che trova nel nuovo mondo. Muore nel 1944, al Murray Hospital, a causa di una polmonite non curata. A dargli l’ultimo saluto presiedono i grandi nomi dell’arte del suo tempo: Chagall, Léger, Ernest, Calder.

Broadway Boogie Woogie, da wikipedia.org, cc, visibile alla pagina dell’artista: Piet Mondrian

Adesso tenta il quiz sull’artista e metti alla prova la tua lettura. Buon divertimento!

In che anno è nato l'artista?

L'immagine di copertina è stata ricavata da wikipedia.org, cc, alla voce dell'artista: Piet Mondrian


L’immagine di copertina, cc, è stata ricavata da wikipedia.org ed è visibile alla pagina dedicata all’artista: Piet Mondrian.


DIVERTITI SU DARTEMA CON LE CURIOSITÀ, GLI ANEDDOTI, LE CITAZIONI, I QUIZ. LEGGI I NOSTRI ARTICOLI O COLLABORA CON NOI, ISCRIVENDOTI AL SITO E INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI.


REGISTRATI E CREA LA TUA PAGINA PERSONALE CON FOTO, BIOGRAFIA E CONTATTI


ALLEGA I TUOI ARTICOLI E, SE CONSONI, LI PUBBLICHEREMO SUL SITO


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *