Web Hosting

Francis Bacon è, sicuramente, il più importante artista inglese del secondo Novecento.

La forte deformazione che caratterizza le opere dell’artista è legata alla sua angoscia esistenziale e alla disperazione per la propria condizione individuale, in netto contrasto con la società del tempo.

Nato a Dublino nel 1909, sin da giovane mostra un’evidente omosessualità, contrastata dal padre con severe punizioni. Anche la società non era disposta ad accettare l’omosessualità dell’artista, il quale visse con consapevole malinconia la propria “diversità”. Dedito al gioco e all’alcool, accumulò numerosi debiti con creditori non sempre pacifici, al punto da essere minacciato da un creditore che avrebbe voluto tagliarli le mani. Nella sua concezione artistica, e questo è evidente soprattutto nei ritratti, Bacon cercava di cogliere non il semplice aspetto esteriore inteso in termini realistici, quanto la personalità più profonda del soggetto rappresentato, oltre a fissare in eterno il trascorrere del tempo, la morte che, inesorabilmente, si avvicina ogni secondo trascorso. Il ritratto dell’immagine, ovvero Three Studies for a Self-Portrait, ha una storia particolare. Non tutti sanno che Bacon era immensamente autocritico con le proprie opere, al punto da distruggerle spesso, solo pochi giorni dopo averle terminate. Curiosamente, infatti, la Galleria con cui Bacon era legato, ovvero la Marlborough Gallery, aveva offerto all’artista l’assistenza personale della direttrice, Valerie Beston (o semplicemente “Miss B”, come Bacon l’ebbe soprannominata).

Francis Bacon – Three studies for a self-portrait (1981), by crea+, CC, flickr.com

Donald Tompson, nel suo volume “Lo squalo da 12 milioni di dollari“, ci racconta che “Miss B” si occupava «dell’organizzazione della sua vita privata, del suo bucato, dei conti di Harrods, della sua dichiarazione dei redditi. Lo liberava dai creditori per i debiti di gioco (…) e consolava gli amanti che l’artista lasciava». Ma il ruolo più importante avuto dalla Beston è sicuramente quello relativo alla “salvaguardia” delle opere di Bacon dall’artista stesso. L’assistente, infatti, requisiva le opere dal suo studio il prima possibile, una volta asciugatasi la vernice, salvandole, così, dalla distruzione. Three Studies for a Self-Portrait è una delle poche opere sopravvissute illese all’artista e che siano state in suo possesso per un lungo periodo, nel caso in questione per circa due anni.

QUIZ SU FRANCIS BACON

Bacon non era solito realizzare autoritratti!

Foto in copertina: Francis Bacon – Three studies for a self-portrait (1981), by crea+, CC, flickr.com


DIVERTITI SU DARTEMA CON LE CURIOSITÀ, GLI ANEDDOTI, LE CITAZIONI, I QUIZ. LEGGI I NOSTRI ARTICOLI O COLLABORA CON NOI, ISCRIVENDOTI AL SITO E INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI.


REGISTRATI E CREA LA TUA PAGINA PERSONALE CON FOTO, BIOGRAFIA E CONTATTI


ALLEGA I TUOI ARTICOLI E, SE CONSONI, LI PUBBLICHEREMO SUL SITO


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.

 


Le immagini e foto utilizzate in copertina non ledono i diritti altrui in quanto sono tutte “Creative Commons”, di libero uso e non realizzate da noi. Ogni immagine riporta come sottotitolo l’autore della foto se verificabile, il titolo originale, il sito di riferimento o la libera licenza. Per la lettura della licenza Creative Commons clicca qui: CC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *