Web Hosting

La fama di Pollock, “l’artista sciamano”, è legata all’action painting, corrente della quale fu l’anima più controversa. Poco capace nel disegno, giunse ad una personale visione dell’arte: arte e vita sono inscindibili, bisogna agire per infondere sulla tela la propria essenza.

L’artista è famoso, anche, per il suo “caratterino”, irascibile e violento a causa dell’abuso di alcolici. Sembrerebbe che la sua passione per l’alcool, diventata col tempo una vera e propria malattia, sia cominciata presto, intorno ai quindici anni. Il suo alcolismo cronico lo portò ben presto a sviluppare un carattere violento, a non rinunciare a scazzottate e a tentare molestie. Tutto ciò ha contribuito alla sua fama di “Artista maledetto” e al mito della sua figura e della sua arte, sino al tragico episodio della morte, avvenuta l’11 agosto del 1956 quando si schiantò ubriaco con la sua auto. Eppure un avvertimento a non guidare “in evidente stato di ebrezza” lo aveva già avuto. Nel 1948, infatti, cadde dalla sua bicicletta mentre, ubriaco, cercava di portare una cassa di birra sottobraccio. Da qual momento, per ben due anni, smise di bere, ma alla fine le bottiglie ebbero il sopravvento! Dunque viene spontaneo domandarsi: cosa sarebbe stato della sua arte senza quelle bottiglie?

thierry ehrmann, Jackson Pollock, painted portrait, courtesy of Organ Museum ©2015

Quiz su Jackson Pollock

Quando è nato Pollock?


Cosa sai su Pollock? Mettiti alla prova con il Quiz DArteMA


Collabora con noi. Inviaci i tuoi articoli


Le immagini e foto utilizzate in copertina non ledono i diritti altrui in quanto sono tutte Creative Commons, di conseguenza di libero uso e non realizzate da noi. Ogni immagine riporta come sottotitolo l’autore della foto se verificabile, il titolo originale, il sito di riferimento o la libera licenza. Per la lettura della licenza Creative Commons clicca qui: CC.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *