Davies Zambotti

Biografia

DAVIES ZAMBOTTI è una Regista/Fotografa che ha lavorato in molti set cinematografici, tra cui “Sorelle Mai” di Marco Bellocchio, “I Galantuomini” di Edoardo Winspeare, “The International” di Tomy Tykwer. Dopo il Liceo Artistico ha studiato Pittura presso l’accademia “Albertina” di Torino, Regia e Produzione Audio/Video a Milano e partecipato ad una Masterclass tenuta da Marco Bellocchio.

site_           http://davieszambotti.weebly.com/

instagram_ https://www.instagram.com/davies_zambotti/

Facebook_ https://www.facebook.com/INTESTIZI/

Twitter_      https://twitter.com/INTERSTIZIFILM?lang=it

vimeo_       https://vimeo.com/user37946991

Attraverso i suoi lavori personali, ricerca e analizza l impossibilità della certezza umana, utilizzando il video e la fotografia come un microscopio, una lente con cui poter osservare le ombre fra gli interstizi del quotidiano.

Poetica

Il mio lavoro consiste nella continua ricerca di un invisibile e impossibile “certezza” umana.

Non siamo concreti e tangibili, dobbiamo fare i conti con l’ambiete, la cultura e le abitudini in cui cresciamo anestetizzadoci e plasmandoci secondo dei modelli prestabiliti.

Nella mia ricerca cerco di spostare lo sguardo su altri spazi, dove l’incertezza diventa l’habitat della vita umana.

Tutti i diritti riservati © Davies Zambotti

In modo sempre diverso frugo fra gli interstizi del quotidiano portando a galla ciò che si vorrebbe nascondere, che ci fa sentire fragili, nuovi mondi che ci riflettono, di cui vorremmo ma non possiamo negare l’esistenza.

Nel mio lavoro è fondamentale lo stato d’animo interiore, la distanza, il silenzio, l’ombra, la memoria e le dissonanze, voci che arrivano da lontano e rimangono impresse nei miei scatti.

Ricordi di un futuro che è gia passato.

“La giovane regista e fotografa milanese Davies Zambotti è tra gli artisti che si destreggiano con disinvoltura in discipline che fino a qualche tempo fa sembravano separate da paratie culturali.

L’intero lavoro di Davies Zambotti ha un’anima versatile e intraprendente, condizione indispensabile per affrontare con coraggio ogni progetto e senza mai dimenticare una silenziosa delicatezza.

C’è un che di estraniante nelle fotografie di Zambotti, un fil rouge robustissimo che lega i lavori a doppio filo e che sta nell’esplorazione dell’ambiente dell’uomo, lo spazio nel quale abita e muove i suoi passi. Una ricerca. Coerente. Le immagini della serie “Chiamata interurbana”, fumose e nebbiose, nelle quali la sfocatura è il gradiente critico, ben restituiscono un’inafferrabilità che sarà presente altrove (si guardi la serie “Il suono lontano”) e che insieme stabilisce la cifra di una difficoltà quasi ancestrale delle interazioni. Il dialogo è difficile, sembra dire Zambotti, ma occorre perseguirlo, farci i conti. Ne vale la pena. E ne siamo costretti, al contempo.


Davies Zambotti ci invita a nuove riflessioni. Un’artista è questo che deve fare. Un catalogo di buone immagini interessa solo a quanti si fermano a un’estetica ferma al suo punto. A un’artista è chiesto di osare, di infrangere regole e dettami, crearne di nuove che a loro volta saranno superate da nuovi linguaggi. Davies Zambotti ha imboccato il percorso. E vale la pena seguirne i lavori.”

di G:Cicozzetti per Scriptphotography


Tutti i diritti riservati © Davies Zambotti

Davies Zambotti ha una visione molto chiara di cosa sia per lei la Fotografia. Osservando il suo lavoro ci si accorge subito di essere in presenza di un’artista che si “serve” di questa arte per giungere ad un qualcosa di “ straordinario”, di “ altro” rispetto ad una ordinaria, banale e realistica lettura della realtà quotidiana. Lo sguardo di Davies si concentra su porzioni ed elementi del quotidiano con il preciso intento di scavarne la trama, di riuscire ad “intercettare”, “captare” un segno, una sorprendente rivelazione che ricolmi e appaghi quell’umana ed infinita sete di conoscenza (…) Se il nostro sguardo generalmente scansiona l’immagine procedendo ad organizzare le informazioni ordinandole secondo uno schema e una logica il più possibile “sensati” e di familiare comprensione, gli Interstizi di Davies Zambotti sembrano suggerire invece un totale abbandono di quelle categorie conosciute e “familiari” di pensiero per riuscire a scovare, ad intravedere quelle “fessure”, quegli “spiragli” nascosti, non visibili ma forse presenti intorno a noi.

di V.Pandolfi per BestSelected


2017           Selezionata da Malamegi Lab arts laboratory per la mostra a cura di Sveva Manfredi Zavaglia allo Spazio  MATER- Loft Gallery , Roma

2017           Selected for CIVILIZATION EDITORS’ PICK Life Framer

2017           Official Selection for HopeFilmAwards

2017           Semifinalista Cortosplash IV edizione

2017           Condensa, collettiva @ Fusion Art Gallery, Torino a cura di Barbara Fragogna

2016           Partecipazione ad Legami-Vincoli Familiari Palazzetto Widmann, Padova

2016           Pubblicazione nel volume ii “Il corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea” di Giorgio Bonomi

2016           Semi-finalist @ LosAngeles CineFest

2016            Partecipazione ad OUT of PLACE in Berlin.

2015           Partecipazione a mostra collettiva “Il Salottino Irrilevante” , Fusion Art Gallery  Torino

2014           “INTERSTIZI” Mostra Personale, cccTo EX Birrificio METZGER, Torino.

2014           “THE BIG SHOW” cccTo EX Birrificio METZGER, Torino.

2014            Partecipazione mostra collettiva “Nuovi Yorkers” NOoSPHERE Arts, New York City

2010            Partecipazione mostra collettiva “Planete Amoureuse”, spazio Oxygen Milano.

2009           Partecipazione mostra collettiva “Planete Amoureuse” spazio Pomezia 1-Milano.

2009           Partecipazione alla mostra collettiva “Nuove Impressioni 09”. TP

My works featured on:

My Interview on UnderExposed Magazine

On La Centrale Dell’Arte

On Best Selected

Official Selection for HopeFilmAwards

Semifinalista Cortosplash IV edizione

Carlina on Stage

After Festival

My Intervew on #photography issue 18

Feature Shoot selected

Exibition @ Fusion Art Gallery Torino

#photography

RAPSODIA 14

Clic.hè

Stanza251

Italia Art Magazine

FoodCollect

Legami – Vincoli Familiari

Float Photo Magazine

Semi-finalist @ LosAngeles CineFest

Float Photo Magazine

Stanza251

_nyps_

Artwort

Cray Magazine

The Back Portrait

Phroom Magazine

Out of Place_Berlin_

Memecult

C 41 Magazine

La Rivista Culturale

Aurorafotografi

Phosmag

Eyescapemagazine

Edizioni Inaudite

O+ Magazine

ECHO magazine

Edizioni Inaudite

 

 

Tutti i diritti riservati © Davies Zambotti

Gioca ai quiz di DArteMA. Cosa aspetti? Mettiti alla prova!

Hans Hartung era di origine Americana!

Possiamo considerare Kandinsky un precursore della pittura astratta?

Der Sturm è stato un importante bar, luogo di incontro degli espressionisti tedeschi!

Oskar Kokoschka è stato anche un drammaturgo!

Mark Rothko è morto per overdose!

François Pinault è un importante collezionista inglese!

Sono famosi gli "Achrome" di Piero Manzoni!

Agostino Bonalumi è un pittore realista!


DIVERTITI SU DARTEMA CON LE CURIOSITÀ, GLI ANEDDOTI, LE CITAZIONI, I QUIZ. LEGGI I NOSTRI ARTICOLI O COLLABORA CON NOI, ISCRIVENDOTI AL SITO E INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI.


REGISTRATI E CREA LA TUA PAGINA PERSONALE CON FOTO, BIOGRAFIA E CONTATTI


ALLEGA I TUOI ARTICOLI E, SE CONSONI, LI PUBBLICHEREMO SUL SITO


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *