Ilario Belometti

Testo di Enzo Radunanza

Ilario Belometti, nasce il 24 luglio 1964 a Telgate, paesino in provincia di Bergamo da una tipica ed operosa famiglia di imprenditori. Fin da bambino rivela una spiccata capacità per il disegno artistico e un grande talento che si accompagna a viva curiosità e attenzione ai particolari del mondo che lo circonda.

Usando tutto ciò che lascia tracce sul foglio come matite, penne a sfera e pastelli raffigura paesaggi, animali e personaggi vari dal cui sguardo è irresistibilmente rapito. Lo stesso Belometti ama ricordare che, per lui, gli occhi sono quasi un’ossessione e che attraverso la loro raffigurazione cerca di interpretare e riprodurre un mondo interiore, fatto di sentimenti contrastanti: tristezza e gioia, malinconia e allegria, riflessione e introspezione, tenerezza, paura, amore.

Pur non abbandonando mai la sua passione per il disegno e per la pittura, terminati gli studi, intraprende un percorso lavorativo ordinario e probabilmente più rassicurante prima lavorando nell’azienda di famiglia e poi dedicandosi a diverse attività in proprio nell’ambito del commercio.

Proseguendo nel variopinto mondo della pittura, utilizza dapprima le tecniche dell’olio e dell’acrilico per poi passare al disegno con la penna a sfera (la classica biro) e i pastelli in matita e dipinge con gli acrilici. La prima fase della sua attività si orienta verso la pittura paesaggistica, dal periodo romantico all’impressionismo con una passione per pittori come J.M.W.Turner e J.ConstableC.Monet e V.Van Gogh e per gli impressionisti in generale.

Intorno ai quarant’anni decide di dedicarsi completamente alla sua arte e di trasformarla in un lavoro, avendo compreso che nulla può rendere più felici che seguire i propri sogni e assecondare le proprie naturali inclinazioni. Sono gli stessi anni in cui Belometti compie un percorso di rara bellezza che lo conduce a scavare dentro se stesso e a lasciarsi sorprendere da ciò che è inaspettato e non banale. In altre parole, scopre e si innamora dell’astrattismo, un vero punto di svolta che diventa il motivo centrale della sua arte.

Nascono così le opere sorprendenti più recenti, nelle quali i colori esplodono nella loro totale bellezza, le forme esprimono energia, potenza, contrasto e vita. Alla policromia accosta materiali eterogenei e spesso di recupero: corde, metallo, rame, glitter, plastica e semplice cartone. Le forme stesse non sono mai scontate e ordinarie e molti quadri si frammentano su diverse tele o su legno, rappresentando, nel contempo, capolavori singoli e tasselli di uniche composizioni.

La ricerca di colori e forme è basata sulla più totale libertà espressiva del pittore, finalizzata a cogliere quel lampo, quel guizzo che, in passato, ha reso grandi artisti come Turner, Pollock, Malevic, Kandinskij, solo per ricordarne alcuni.

Attualmente vive a Cassolnovo (Pavia), lontano dalla confusione delle grandi città, dove riesce a dedicarsi alla sua attività in un contesto sereno e pacato che rispecchia pienamente il suo carattere.

© Riproduzione Riservata

Tutti i diritti riservati © Ilario Belometti

 

Gioca ai quiz di DArteMA. Cosa aspetti? Mettiti alla prova!

Renato Guttuso non è mai stato comunista!

Picasso è morto nel 1973?

Magritte è un pittore surrealista!

Victor Vasarely è stato un pittore realista!

La Guernica di picasso è conservata al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía?

Il movimento De Stijl è nato in Francia?

Jeff Koons ha avuto una relazione con Cicciolina?

Duchamp odiava gli scacchi!

DIVERTITI SU DARTEMA CON LE CURIOSITÀ, GLI ANEDDOTI, LE CITAZIONI, I QUIZ. LEGGI I NOSTRI ARTICOLI O COLLABORA CON NOI, ISCRIVENDOTI AL SITO E INVIANDOCI I TUOI ARTICOLI.


REGISTRATI E CREA LA TUA PAGINA PERSONALE CON FOTO, BIOGRAFIA E CONTATTI


ALLEGA I TUOI ARTICOLI E, SE CONSONI, LI PUBBLICHEREMO SUL SITO


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *