Due pennelli tiepoleschi. Giambattista Tiepolo e il suo senso di realtà. Brevi considerazioni sul “Banchetto di Cleopatra” e la matrice pittorica del Veronese.

Testo di Alessandro Lusana

La versatilità d un pittore consiste nel prendere ogni cosa, elaborarla e fonderla con la sua cultura. Giambattista Tiepolo, dopo il Barocco (che ha influito molto sulla sua attività), si appropria della realtà e la lascia emergere dalle sue opere. Fonde l’immaginario Barocco con la realtà, aspetto visibile ancora in qualche dipinto. Due esempi: i due “Banchetto di Cleopatra” (Figg.1-2), come manifesto della realtà del XVIII secolo. Tutte le figure appaiono reali: il servitore sulla destra, che forse Tiepolo vide in qualche aristocratica casa, il cane che assume atteggiamenti reali, forse eredità di Jacopo Bassano, per il suo pensiero laico per soggetti sacri. Credo che Tiepolo non abbia escluso Veronese e la sua celebre Ultima cena; è sufficiente guardare gli abiti, che sono conformi allo stile del XVIII secolo. Cleopatra è una dama del XVIII secolo, ospite di una cena, in una scenografia  con architettura romana. Nel secondo Banchetto, Tiepolo ha certamente visto e probabilmente ripreso l’architettura dell’Ultima Cena del Veronese. Accade qualcosa di simile nel Ritrovamento di Mosè; Tiepolo guarda al colore cangiante delle vesti e alla luce del Veronese. Si potrebbe affermare, dunque, che Tiepolo usi “due pennelli”, uno per il Barocco e uno per la realtà, intrisi di tradizione veneta, quella del colore e della luce. Tiepolo esaspera la pittura del Veronese, che ebbe modo di conoscere anche dalla Rotonda del Palladio.

Giambattista tiepolo, il banchetto di cleopatra, 1742-43. CC, fonte immagine: wikipedia.org, autore Sailko.

 

Giovanni Battista Tiepolo, banchetto di cleopatra, 1743-44. CC, fonte immagine: wikipedia.org, autore Sailko.

 


Collabora con noi. Inviaci i tuoi articoli


Mettiti alla prova e gioca ai QUIZ di DArteMA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *